Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

A prova di caldo

24-06-2020
animali domestici

Ecco: l’estate è arrivata. A soffrire il caldo estivo non sono solo gli esseri umani, ma anche gli animali domestici, e dunque bisogna riservare loro particolari attenzioni. Tra le norme da seguire, che valgono per tutti i tipi di animali, la prima è di non lasciarli mai incustoditi in auto, neanche per breve tempo. Bastano anche solo dieci minuti per avere un malore. Poi bisogna assicurarsi che abbiano sempre acqua fresca a disposizione, cibo che non si deteriori con il caldo e la possibilità di ripararsi all’ombra. E non costringeteli a stare tanto tempo con l’aria condizionata.

 

Consigli anticaldo per cani e gatti

Fra gli animali più a rischio c’è il cane, che non sudando disperde calore attraverso la bocca. Se rimane in affanno, e lo si nota dal respiro, rischia il collasso. Quindi correte immediatamente a bagnargli la testa, facendo attenzione a non fargli entrare l’acqua nelle orecchie per evitare otiti. Mettetegli anche dei ghiaccioli sotto le ascelle, nell’interno coscia e sulla zona inguinale. Le razze più esposte sono quelle che hanno la conformazione del setto nasale ridotta come i boxer o i bulldog, ma anche i cani a pelo lungo, quelli in sovrappeso e anziani. In particolare, nelle serate afose meglio una passeggiata tranquilla che corse o sforzi eccessivi; consiglio che vale anche per i cuccioli. Le stesse regole restano per i gatti, che però non uscendo per la passeggiata, rimangono in casa scegliendo posti più refrigerati.

Sì alle creme solari per prevenire le scottature da applicare sulle parti più esposte di cani e gatti, come i padiglioni auricolari e la pancia, e quindi no alle tosature a zero: semmai accorciate un po’ il pelo del cane per dargli sollievo.

 

Piccoli animali domestici: consigli per l’estate

Non da meno gli altri animali domestici, come conigli, furetti o criceti, che soffrono i colpi di calore. Per refrigerarsi dategli una bottiglietta di acqua tolta dal congelatore per giocare, facendo attenzione che non vi ci si addormentino sopra. Pure i rettili, comprese le tartarughe, benché animali a sangue freddo, rischiano il colpo calore. Non tenete quindi la tartaruga in un box di plastica o in una bacinella d’acqua sul balcone. Anche pesci e uccellini hanno bisogno di speciali accortezze in situazioni afose. Per i primi, l’acquario va tenuto lontano dalla luce solare e va cambiata spesso l’acqua, togliendo via via le alghe che vi si formano. Mentre pappagalli e canarini ovviamente non devono stare in gabbia nel balcone sotto il sole, e per rinfrescarli si può nebulizzare acqua fresca sulle loro piume.

 

Viaggiare con gli animali in estate

Come già detto, mai – che si tratti di un viaggio o solo di una sosta al supermercato – lasciare in auto i vostri amici pelosi. La temperatura interna all’abitacolo può raggiungere in estate temperature elevate anche lasciando una fessura nel finestrino o parcheggiando all’ombra. Cercate poi di abituare l’animale a viaggiare con voi, soprattutto prima di affrontare lunghi tratti, e tenete sempre a portata di mano acqua, cibo e ciotole. In caso gatti o cani soffrano il mal d’auto (o di mare, o d’aria), si possono somministrare farmaci prescritti dal veterinario.

Altra regola da seguire per i viaggi in auto è fermarsi per far sgranchire loro le zampe, se si tratta di cani, e bere almeno ogni due ore.

 

Foto di Katrin B. da Pixabay