Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Capelli “elettrici”: che fare?

08-10-2020
bellezza e benessere

Cominciano i primi freddi, nella situazione attuale cerchiamo di proteggerci ancora di più dai colpi di freddo… ma con un piccolo, fastidioso inconveniente: i capelli “elettrici”.

 

Perché i capelli diventano “elettrici”?

Con il freddo, capita spesso di ritrovarsi i capelli elettrizzati. La spiegazione di questo fenomeno sta nello squilibrio che si crea fra ioni positivi e ioni negativi nei capelli e che è particolarmente frequente quando fa freddo.

Una delle principali cause dei capelli “elettrici”, infatti, è il contatto e lo sfregamento con materiali sintetici: un pettine di plastica, per esempio, ma anche un cappello o una sciarpa in pile, che sono così morbidi e caldi, ma anche “pericolosi” per l’equilibrio dei nostri capelli!

Ma c’è qualcosa che possiamo fare per risolvere il problema dei capelli elettrici:

  1. innanzitutto, eliminare il più possibile gli accessori in plastica (pettini, ma anche fermagli, pinze, ecc.);

  2. preferire indumenti in fibre naturali e non sintetiche.

 

Come lavare i capelli in autunno

L’autunno è, ahinoi, la stagione per eccellenza della perdita dei capelli. Oltre ad assumere integratori a base di cheratina e vitamine A e B per rinforzare i capelli, anche il lavaggio ha la sua importanza per prevenire il fenomeno della “elettrizzazione” che indebolisce i capelli. Ecco le regole per uno shampoo a prova di… “scossa”:

  1. usare acqua tiepida;

  2. diluire lo shampoo con acqua;

  3. sciacquare via molto bene lo shampoo alla fine, meglio se con un breve getto di acqua fredda finale;

  4. asciugare delicatamente con un asciugamano in cotone, senza frizionare troppo (per non creare elettricità statica);

  5. usare un phon agli ioni attivi, a bassa temperatura, che compatta la cuticola del capello e lo irrobustisce.

Inoltre, potremo anche utilizzare specifici prodotti, come balsamo o lacca per capelli elettrici, che aiutano a prevenire questo problema.

 

Foto di Pezibear da Pixabay