Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Come pulire il forno senza fatica: consigli pratici

20-06-2018
casa e giardino

Come pulire il forno senza fatica: consigli pratici

Pulire il forno è un’attività che si tende spesso a rimandare, perché piuttosto lunga e faticosa, soprattutto quando è posizionato in basso, sotto i fornelli, costringendoci a stare in posizioni davvero scomode per pulirlo. Ma è pur vero che prima o poi il “mostro” che tutti abbiamo in cucina deve essere affrontato.

E allora, come fare per risparmiare tempo e fatica? Basta procurarsi gli ingredienti giusti! Qui di seguito alcuni consigli pratici su come pulire il forno di casa e farlo tornare a splendere come se fosse (quasi!) nuovo.

Sgrassare

Avete mai pensato di utilizzare il sale per sgrassare il vostro forno? Ecco come fare:

versate in una ciotola mezzo litro di acqua e 250 grammi di sale. Mescolate e distribuite il composto sulle pareti del forno, senza strofinare, soprattutto sulle zone dove ci sono macchie di grasso o residui di cibo. Lasciate agire il composto per circa 20 minuti, dopodiché rimuovetelo aiutandovi con una spugna umida.

Ma come pulire il forno se lo sporco è particolarmente ostinato? Potete usare ad esempio il sale insieme al bicarbonato:

mescolate in una ciotola 1 tazza di sale con 1 tazza di bicarbonato, aggiungete 1 tazza d’acqua e mescolate bene fino a ottenere un composto omogeneo, da applicare con l’aiuto di un panno su tutte le superfici interne del forno. Lasciate agire il composto per circa 1 ora, eventualmente scaldando il forno a 35-40°C, in modo da aumentare l’effetto sgrassante. Trascorsa un’ora, aprite il forno e con l’aiuto di una spugna rimuovete le incrostazioni, che si saranno decisamente ammorbidite!

Una variante di questa “ricetta sgrassante” prevede l’utilizzo di aceto al posto del sale:

mescolate in una ciotola 1 bicchiere di bicarbonato, 1 bicchiere di aceto bianco e 1 bicchiere di acqua. Applicate il composto ottenuto sulle superfici interne del forno senza strofinare. Riponete la ciotola con il composto avanzato nel forno e scaldatelo a 100° C, lasciandolo acceso per circa 45 minuti. Una volta spento, quando il forno è ancora tiepido iniziate a rimuovere lo sporco con l’aiuto di una spugna o di un panno. Anche in questo caso le incrostazioni verranno via senza fatica!

Eliminare i cattivi odori

Come pulire il forno quando più che grasso vi sembra che abbia accumulato cattivi odori? In questo caso ci viene in aiuto il limone, ecco come: scaldate il forno a 100 °C e adagiateci dentro una ciotola in cui avrete spremuto il succo di 3 limoni. Una volta che il succo si è riscaldato, spegnete il forno e lasciate la ciotola dentro per almeno 1 ora. Trascorso il tempo necessario i cattivi odori avranno lasciato il posto ad un gradevole profumo di limone.

Pulizia light

Dopo la “terapia d’urto”, periodicamente potrete procedere con un trattamento più leggero, e magari più frequente, per tenere il vostro forno sempre pulito. In questo basterà utilizzare solo l’aceto:

fate bollire in un recipiente medio-piccolo dell’acqua e aggiungete 2 bicchieri di aceto bianco. Dopo aver preriscaldato il forno a 180°C, spegnetelo e infornate la miscela d’acqua e aceto, lasciandola evaporare all’interno del forno per circa 15 minuti. Trascorso questo tempo, estraete il recipiente e con il forno ancora tiepido utilizzate il liquido rimasto come detergente, aiutandovi con una spugnetta. Il vapore di acqua e aceto anche in questo caso avrà ammorbidito le incrostazioni, che potrete eliminare ancora una volta senza fatica.