Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Crema, passato o vellutata?

21-08-2020
cucina

Si fa presto a dire crema, o passato, di verdura! E la vellutata? Se su minestra e zuppa non sorgono grandi problemi (la minestra è un primo a base di verdura, abbastanza liquido, a cui può essere aggiunta pasta o riso, mentre la zuppa è più densa e con aggiunta tutt’al più di pane o crostini, ma senza pasta), quando invece si comincia a parlare di crema, vellutata, passato… si scopre che non tutti intendono la stessa cosa.

Cerchiamo di fare chiarezza un po’ di chiarezza.

Quando si parla di passato, si intende semplicemente una minestra o una zuppa che è stata preparata e poi frullata con il mixer (un tempo si usava il passaverdura!).

 

Crema o vellutata? Che differenza c’è?

I termini crema e vellutata invece tendono a essere confusi abbastanza frequentemente. L’aspetto, del resto, è simile: si tratta sempre di un primo piatto a base di verdura, ridotta in purea. La differenza sta tutta negli ingredienti.

Innanzitutto, la crema prevede l’impiego di una sola verdura principale, frullata. L’ingrediente che fa da “legante”, ossia che dà consistenza, è la farina, oppure il latte.

La vellutata invece si basa su un abbinamento di 2, massimo 3 vegetali, di cui uno spesso è rappresentato dalle patate. Potremo avere una vellutata di carote e patate, zucchine e patate, ecc.

L’ingrediente che fa da legante, normalmente, è un roux (ossia un composto addensante) a base di burro e farina, a cui si aggiungono panna da cucina oppure tuorli (anche le patate stesse svolgono questa funzione), che rendono il gusto più rotondo e corposo.

 

La ricetta: passato freddo di piselli con yogurt

 

Ingredienti: 200 g di lattuga, 1,5 litri di brodo vegetale, 1 scalogno, 1 patata, 100 g di piselli sgranati, 80 g di yogurt greco light, paprika q.b., 1 ciuffo di menta; sale e pepe q.b.

 

Tempo di cottura: 40 minuti (più 2-3 ore in frigo)

Difficoltà *

Costo *

 

Sfogliate la lattuga, lavatela, asciugatela e tagliatela a listarelle. Portate a bollore il brodo e unite lo scalogno tritato, la lattuga, la patata sbucciata e tagliata a dadini, i piselli e 2-3 foglie di menta.

Cuocete per 20 minuti. Togliete dal fuoco e frullate con un frullatore a immersione.

Regolate di sale e pepe e mettete la crema ottenuta in frigorifero per 2-3 ore. Estraetela dal frigo 10 minuti prima di servire e distribuitela in 4 ciotole.

Guarnite ciascuna ciotola con 1-2 cucchiai di yogurt freddo e spolverizzate con un pizzico di paprika, a piacere, dolce o piccante. Servite la crema, a piacere, con fettine di pane toscano

tostate.

 

 

Foto di RitaE da Pixabay