Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Speck, sapore intenso di montagna

18-09-2020
cucina

Originario dell’Alto Adige, lo speck è un prosciutto disossato che, dopo essere stato salato e speziato viene affumicato a freddo e stagionato (queste procedure erano indispensabili un tempo per garantire una migliore conservazione). Oggi questa procedura è rigorosamente codificata ed è valsa a questo salume di origini povere l’ottenimento del marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) che con il tempo lo ha reso uno dei salumi più apprezzati, anche grazie alla sua versatilità in cucina.

 

Come cucinare con lo speck: 5 idee

Indubbiamente, lo speck può fare la sua parte in un gustoso tagliere di affettati, ma al tempo stesso è uno dei salumi più versatili in cucina e spesso è usato per dare sapore a tanti piatti di pasta, riso, carne, o insalate.

Sia che vogliate usare lo speck avanzato, sia che preferiate acquistarlo apposta (in un’unica fetta spessa, oppure già tagliato in cubetti o fiammiferi), lo speck è un ingrediente prezioso di tanti piatti.

Ecco 5 idee per cucinare con lo speck.

  1. Lo speck negli involtini: se avete dello speck a fette, potete usarlo insieme alla scamorza affumicata per ghiotti involtini di pollo, tacchino o vitello.

  2. Lo speck negli sformati o nelle torte salate: aggiungete una confezione di speck a cubetti ai vostri sformati o torte salate a base di verdura, per un gusto più deciso.

  3. Lo speck nelle polpette: polpette di riso o di patate saranno ancora più buone se vi aggiungerete lo speck a cubetti!

  4. Lo speck nella frittata: perfetta per riciclare lo speck avanzato, magari con l’aggiunta di un formaggio come la scamorza e qualche fettina di cipolla (del resto, si sa, le frittate servono anche a questo!).

  5. Lo speck nelle insalate: anche la più anonima insalata si ravviva di gusto con lo speck. In questo caso, l’ideale è preparare dello speck croccante. Tagliate lo speck a fette non troppo sottili (oppure usate i cubetti già pronti) e mettetelo in forno a 200° C per un quarto d’ora, chiuso tra due fogli di carta forno che fermerete insieme con degli stuzzicadenti o degli spiedini lunghi.

 

La ricetta: risotto porri e speck

 

Ingredienti (per 4 persone): 320 g di riso Arborio o Carnaroli, 80 g di speck a cubetti o a fiammiferi, 1 cuore di porro, 1 l di brodo vegetale, Parmigiano Reggiano, olio extravergine d’oliva.

 

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Difficoltà: *

Costo: *

Vino consigliato: Traminer

 

Scaldate il brodo già pronto, oppure preparatelo con il dado. Nel frattempo, fate rosolare lo speck in poco olio extravergine d’oliva, nella pentola in cui cuocerete il risotto, poi toglietelo e mettetelo da parte. Aggiungendo poco olio, fate imbiondire il porro tagliato a rondelle sottili, quindi togliete anche questo e mettetelo da parte. Tostate il riso per qualche minuto, poi aggiungete il brodo caldo a poco a poco e, a circa 5 minuti dalla fine della cottura, aggiungete lo speck e il porro. Continuate la cottura aggiungendo brodo a poco a poco, fino a che il riso non sarà cotto ma ancora al dente. Mantecate, se gradito, con un paio di cucchiai di Parmigiano Reggiano.

 

 

Foto di klinik da Pixabay