Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Tende, pulito perfetto

29-09-2020
casa e giardino

Il cambio di stagione si avvicina ed è opportuno dare una rinfrescata non solo agli armadi, ma anche all’arredamento e quindi alle tende di casa.

Lavare le tende è un po’ faticoso, ma è importante non solo per la pulizia della casa: la polvere che si annida nei tessuti, infatti, può contenere batteri responsabili di allergie e irritazioni.

 

Come lavare le tende in casa

Certo, possiamo sempre portare le tende in lavanderia, ma se sono molte questa operazione rischia di essere un po’ costosa. Proviamo dunque a lavare le tende in casa: un po’ di fatica sarà ripagata da tanta soddisfazione!

Innanzitutto, controlliamo il materiale delle nostre tende e atteniamoci, se è presente un’etichetta, alle istruzioni per il lavaggio. Ad eccezione delle tende in seta o altri tessuti delicati, come l’organza, che necessitano di un lavaggio a secco per il quale è effettivamente meglio rivolgersi alla lavanderia, tutti i tipi di tende possono essere lavati nella lavatrice di casa. Se la lavatrice non ha un programma specifico per le tende, seguiamo queste regole generali:

  • impostare il lavaggio delicato;

  • la temperatura non deve superare i 30 gradi;

  • la centrifuga non deve superare i 600 giri.

In base a quante tende dobbiamo lavare, potrebbero essere necessari più cicli: non carichiamo la lavatrice più di quanto previsto per il programma delicato (il massimo del peso consentito per il lavaggio si trova nelle istruzioni della lavatrice: considerate comunque che anche una lavatrice “da 7 kg” di carico per il tradizionale programma cotone, ammette non più di 3 kg di bucato per gran parte degli altri tipi di lavaggio).

Una volta lavate (possibilmente in una giornata non piovosa), si pone il problema di come asciugare le tende, soprattutto se sono molto lunghe. L’ideale è stenderle in verticale, in modo che il peso stesso del tessuto bagnato le “stiri”: questo è possibile (purché non sgocciolino) anche rimettendo al loro posto le tende bagnate e lasciandole asciugare all’aria della finestra aperta. Una soluzione facile e pratica adatta soprattutto per tende in tessuti robusti come il lino; se non potete fare in questo modo e non avete un terrazzo o un giardino, l’alternativa è quella di usare uno stendino estensibile, su cui appoggiare la tenda in modo che non tocchi terra.

 

Come stirare le tende

Stirare le tende con asse da stiro e ferro tradizionale è pressoché impossibile (a meno che non si tratti di tendine corte); come abbiamo visto, in molti casi le tende ben asciugate non hanno nemmeno bisogno di stiratura. Se però dobbiamo stirarle, servirà uno stiratore verticale, che funziona come un normale ferro da stiro ma, appunto, in verticale: non c’è bisogno di una superficie di appoggio e basta passare il vapore sui tessuti. Un piccolo investimento di qualche decina di euro che vi risulterà utilissimo non solo per stirare le tende ma anche per rinfrescare e igienizzare i capi di abbigliamento!

 

 

 

Foto di dadogi .. da Pixabay