Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

5 segreti per una besciamella perfetta

24-04-2019
cucina

Per la sua versatilità in cucina, è chiamata anche salsa madre: stiamo parlando della besciamella, vera regina di tanti piatti casalinghi, a partire dalle lasagne al forno.

La ricetta della besciamella è un classico della cucina: servono ½ litro di latte, 50 g di burro, 50 g di farina, sale e noce moscata. A partire da questi semplici ingredienti, oggi impariamo quali sono i segreti per una besciamella perfetta.

  1. Il roux: questo è il nome francese della base per la besciamella, ossia il composto di burro e farina. Si prepara facendo sciogliere (ma non friggere!) il burro in una pentola e aggiungendo la farina tutta in una volta, mescolando poi con una frusta fino a che l’impasto non avrà assunto un colore dorato (altrimenti rimarrà un retrogusto di farina).

  2. La pentola per la besciamella. È importante usare una pentola dal fondo spesso, perché non si attacchi.

  3. Aggiungere il latte alla besciamella: freddo o caldo? La soluzione migliore è usare latte appena tiepido. Quello freddo rischia di formare dei grumi, mentre con il latte a temperatura ambiente si deve solo lavorare più velocemente. È importante versare il latte a filo, mescolando sempre con una frusta.

  4. Cuocere la besciamella. Le regole basilari sono due: cuocere a fuoco basso e mescolare sempre. Nel mescolare, è importante raschiare bene anche il fondo e gli angoli, perché la besciamella si attacca molto facilmente. Per quanto tempo cuocere la besciamella? È semplice: la besciamella sarà pronta al primo accenno di bollore. Il tempo dipende ovviamente dalla quantità di besciamella che stiamo preparando.

  5. Insaporire la besciamella. Ecco il momento di aggiungere un pizzico di sale e noce moscata a piacere. Buon appetito!

 

SOS besciamella!

  • Aiuto! La besciamella ha fatto i grumi! Toglietela immediatamente dal fuoco e “rimediate” passandola con un frullatore a immersione, a bassa velocità.

  • Aiuto! La besciamella si è attaccata! Travasatela in un’altra pentola, evitando di versare anche il fondo (che è quello che verosimilmente si è “bruciato”).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto di RitaE da Pixabay