Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Bricolage, che passione!

02-01-2020
tempo libero

Chi fa da sé fa per tre: un po’ per risparmiare, un po’ per soddisfazione personale, il fai da te spesso è una soluzione ai piccoli guasti domestici e alle piccole riparazioni che si rendono necessarie.

 

Bricolage: utensili, ingegno e pazienza

Ecco che, nel momento in cui un rubinetto gocciola oltre il dovuto, una lampadina fa i capricci pur non essendo bruciata o un elettrodomestico mostra gli acciacchi dell'età o dell'uso eccessivo, gli appassionati di bricolage non esitano ad armarsi di utensili, ingegno e pazienza e provvedere all'intervento riparatore con le proprie forze e capacità. Tre i presupposti per raggiungere questo ideale status dell'esistenza: la competenza, una ragionevole autostima di se stessi e una cassetta degli attrezzi ben fornita. Accertato questo, il risparmio e un sano passatempo tra le quattro mura preferite saranno a portata di mano. Con semplicità e soddisfazione.

È questa una metodologia della vita corrente applicabile anche alla cucina, con tutta una serie di marmellate fatte in casa, torte e biscotti realizzati nella sana frugalità dei propri fornelli. Il che ha più risvolti positivi: oltre ai già citati risparmi finanziari e utilizzi costruttivi del tempo libero, questo self-made gastronomico giova alla salute dell'intera famiglia e accresce il bagaglio di conoscenze ed esperienze, poiché riporta alla luce e a nuova vita le vecchie ricette della nonna o della zia. Memoria e nostalgia come valori aggiunti al bricolage minimalista di cui si diceva, in questo caso bricolage culinario.

 

Fai da te: utile e divertente

Il “fai da te” come filosofia di vita ben si presta anche alla dimensione dello svago, non vivendo dunque solo in un contesto di stretta utilità pratica.

Uno degli esempi più classici e di moda (specie in Italia e Francia) in tal senso è il decoupage, antica tecnica di decorazione di origine francese (“decouper”, ovvero ritagliare), che ha l’estrema duttilità di poter essere realizzata su qualsiasi supporto: legno, latta, terracotta, porcellana, ferro, muro, plastica, carta, cartone, tessuto, gomma, polistirolo, sughero e vetro.

In sostanza, consiste nel tagliare, comporre, incollare e fissare con una vernice trasparente i decori di carta su un oggetto, alternando poi varie mani di vernice e di carteggiatura. Tre i momenti salienti del decoupage: il primo è la scelta o la creazione delle decorazioni di carta da applicare, ed è una fase dove la fantasia la fa da padrona; il secondo è l'atto pratico della nuova nascita, colorata e creativa, dell'oggetto sul quale abbiamo lavorato, e qui prevale la manualità; il terzo è il risultato finale, che può oscillare fra i due poli della delusione o, molto più probabilmente, della gratificazione e della crescita di quella autostima cui si alludeva in precedenza.

 

Il fai da te… fa bene all’ambiente!

Già così il bricolage minimalista avrebbe dimostrato la sua terapeutica utilità nella vita di tutti i giorni. Resta però da svolgere un'ultima considerazione, di estrema attualità in quanto strettamente legata alla salvaguardia dell'ambiente, tema per fortuna sempre più caro e profondamente calato nei cuori e nelle menti di ognuno.

Infatti, non c'è azione tra quelle che abbiamo sin qui menzionato, né tra le molte ad esse connesse, che non abbia una ricaduta, oltre che sul risparmio economico e sul benessere psicofisico, pure sull'ecologia. La chiave per accedere a tale dimensione del bricolage è innanzi tutto il riciclaggio: quando decoriamo o, spingendosi più avanti, riusciamo a recuperare un mobile o un altro oggetto, infatti, evitiamo che quest’ultimo finisca nel cassonetto o in discarica o, nel migliore dei casi, nel servizio, spesso presente nelle città, di ritiro dei rifiuti ingombranti. Facciamo cioè un grosso favore all’ambiente e contemporaneamente ai costi che le aziende che si occupano dello smaltimento dovrebbero sostenere, consentendo loro di concentrarsi su oggetti e suppellettili che proprio non si possono né riciclare né recuperare. Per essere precisi, con un’azione lineare e minimalista come il nostro bricolage, facciamo un grosso favore alla comunità tutta. E quasi sempre le soluzioni più semplici sono le migliori.

 

 

 

 

Bild von Hans Braxmeier auf Pixabay