Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Come pulire il microonde

25-05-2019
casa e giardino

Il forno a microonde è ormai un elettrodomestico indispensabile nelle nostre case: consente di riscaldare piatti, scongelare o addirittura cucinare in pochissimo tempo. Proprio perché è così usato, però, ha bisogno anche di un’adeguata pulizia: l’ideale, per un utilizzo regolare, sarebbe pulire il microonde una volta la settimana. Vediamo alcuni metodi per pulire il microonde.

Pulire il microonde con l’aceto

Possiamo pulire il microonde sfruttando… la sua stessa potenza! Riempiamo per metà con acqua un contenitore adatto al microonde e aggiungiamo un cucchiaio di aceto bianco Accendiamo il forno a media potenza per 3-4 minuti: la vaporizzazione dell’aceto aiuterà a sgrassare e staccare i residui sulle pareti. Stacchiamo il microonde dalla corrente, aspettiamo che sia freddo, e con un panno umido (o eventualmente imbevuto con poco aceto) puliamo le pareti interne.

Per pulire il microonde incrostato, invece, usiamo lo stesso procedimento ma portando il forno alla massima potenza per 5 minuti; poi, dopo averlo spento, lasciamolo chiuso per altri 5 minuti prima di pulire con un panno pulito (l’ideale sarebbe dedicare un panno in microfibra esclusivamente alla pulizia del microonde) imbevuto di aceto.

Pulire il microonde con il bicarbonato

Il bicarbonato ha mille usi in casa e in particolare nelle pulizie (dove è utile anche per neutralizzare i cattivi odori): per pulire il microonde con il bicarbonato, basterà seguire lo stesso procedimento descritto per l’aceto, semplicemente sostituendo all’aceto bianco 3 cucchiai di bicarbonato.

Pulire il microonde con il limone

Un altro metodo naturale per pulire il microonde è quello con acqua e limone: ancora una volta, basterà sostituire all’aceto bianco il succo di un limone e segiure le istruzioni indicate.

I procedimenti appena descritti servono per pulire le pareti interne del microonde e lo sportello. Gli accessori come il piatto girevole e la griglia possono essere lavati anche in lavastoviglie, o comunque con un normale detersivo per piatti; il supporto rotante che va sotto il piatto, invece, va lavato a mano con acqua e detersivo, oppure acqua e bicarbonato.

 

 

 

 

 

Foto di Frank Wittkowski da Pixabay