Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Il sorbetto, freschezza e bontà

07-09-2019
cucina

Nelle cene raffinate, il sorbetto (tipicamente al limone) viene spesso servito a metà pasto, per separare i piatti di carne da quelli di pesce (la sua funzione in questo caso è quella di “pulire” il gusto). Ma ovviamente niente vieta di consumare il sorbetto come dessert!

Questo “antenato” del gelato è infatti un dolce al cucchiaio a base di acqua, zucchero e frutta.

 

Sorbetto, granita, gelato: qual è la differenza?

La differenza sta principalmente nella consistenza. Spesso il sorbetto viene confuso con la granita, ma quest’ultima, a differenza del sorbetto, è composta da particelle di ghiaccio ben percepibili al palato. Nel sorbetto, invece, che pure è una preparazione congelata, la consistenza del ghiaccio è molto più delicata (inoltre, la ricetta del sorbetto prevede generalmente l'aggiunta di un albume montato a neve). Viceversa, il gelato (alla frutta) ha una consistenza più cremosa e non è, appunto, congelato.

 

L’origine del sorbetto

L’origine del sorbetto si perde nell’antichità: sicuramente già i Greci e i Romani erano soliti conservare il ghiaccio in profonde grotte o cavità scavate nel terreno, per poi utilizzarlo a scopi alimentari, fra cui appunto i dolci ghiacciati alla frutta. Questa usanza perdurò nel Medioevo, trovando nuova linfa con la presenza araba in Sicilia, a cui si deve la tradizione della granita. Si trattava, comunque, di procedure molto complicate, per cui solo i ricchi e i potenti potevano permettersi una “ghiacciaia” ben fornita e il sorbetto gelato era considerato una vera prelibatezza dei pasti da signori.

 

La ricetta: sorbetto al limone

Oggi fare il sorbetto in casa è invece alla portata di tutti, anche senza gelatiera.

 

Ingredienti: 500 ml di acqua, 6 limoni non trattati, 1 albume, 180 g di zucchero.

Preparate uno sciroppo facendo bollire insieme l’acqua e lo zucchero. Intanto, grattugiate la scorza di un limone e, appena lo zucchero sarà completamente sciolto, aggiungetela allo sciroppo e lasciate raffreddare. Spremete tutti i limoni, montate a neve l’albume e aggiungete il tutto allo sciroppo di zucchero. Trasferite il composto in una ciotola di metallo e mettete in freezer per almeno mezz’ora, dopodiché frullate il sorbetto al limone e rimettetelo di nuovo in freezer. Ripetete questa procedura per 6 volte, quindi lasciate raffreddare ancora il sorbetto al limone per 24 ore.

 

 

 

 

 

Foto di flomo001 da Pixabay