Blog VéGé

Tutte le novità del Gruppo VéGé

Un menù… “nuovo di zucca”!

10-10-2019
cucina

Con l’arrivo dell’autunno, sulla nostra tavola non può mancare la regina degli ortaggi autunnali: la zucca. Saporita, genuina e ipocalorica, è ideale per la preparazione di tanti piatti gustosi, utilizzandone la polpa ma anche i semi e i fiori.

 

Zucca: proprietà nutritive

Originaria dell’America Centrale, la zucca è stata subito apprezzata anche in Europa diventando uno degli alimenti principali della nostra alimentazione. I motivi di tanto successo? Il suo sapore, senza dubbio, ma anche le numerose proprietà nutritive che rappresentano un vero e proprio toccasana per l’organismo. Questo prezioso ortaggio, infatti, contiene un’elevata quantità di betacarotene che contrasta l’insorgere di alcune patologie, è un antinfiammatorio e protegge il sistema circolatorio. Non solo: la polpa è ricca anche di vitamine A, B ed E, quest’ultima particolarmente importante per le proprietà antiossidanti. Da non dimenticare, infine, la ricchezza di minerali – tra i quali calcio, potassio, fosforo, magnesio e ferro – nonché di fibre.

 

Semi di zucca: buoni e non solo

Non bisogna sottovalutare le proprietà contenute nei semi di zucca, che hanno una funzione medicamentosa soprattutto nel combattere disturbi legati alla comparsa del verme solitario, ma anche nell’alleviare infiammazioni della pelle e nel prevenire disfunzioni delle vie urinarie.

 

Gli usi della zucca in cucina

È proprio il caso di dirlo: della zucca – ai fornelli – non si butta via niente. Pensiamo ai fiori di zucca e di zucchina, ad esempio, famosi principalmente nella versione fritta ma anche ottimi da scottare in padella per realizzare deliziose frittate o condire un piatto di pasta.

E cosa dire dei semi di zucca? Essi rappresentano uno snack genuino e salutare – da consumare una volta fatti essiccare o tostare al forno – ideali per arricchire insalate e yogurt o da mangiare da soli come spuntino energetico.

 

Menù completo a base di zucca

Con la polpa di zucca è possibile preparare un menù completo: dall’antipasto al dolce, passando per i primi piatti e il contorno.

Dopo averla privata della buccia, infatti, la zucca può essere bollita o cotta al vapore per realizzare gustose zuppe, vellutate e minestroni, ma viene spesso utilizzata anche come ripieno per i tortelli o per torte salate. Possiamo anche cuocere la zucca in forno: privata dei semi e tagliata a cubetti o a spicchi, la polpa diventa un ottimo contorno, perfetta soprattutto con secondi a base di carne.

Il suo sapore dolciastro la rende, infine, particolarmente adatta per la preparazione di dolci a base di zucca: torte, muffin, biscotti e frittelle. Una volta lessata o cotta in padella e successivamente schiacciata, diventa infatti la base o la farcitura ideale per numerosi dessert.

 

Come scegliere la zucca

Per scegliere la zucca migliore e godere pienamente del suo gusto e delle sue proprietà è necessario al momento dell’acquisto prestare molta attenzione. Affinché questo ortaggio sia davvero fresco, sodo e maturo bisogna che emetta un suono sordo nel colpirla con le nocche della mano.

Altri “indizi” riguardano, invece, il picciolo che dev’essere morbido e ben saldo e la buccia, che deve risultare pulita e senza ammaccature.

 

 

La ricetta: arrosto di tacchino con zucca e speck

 

Tempo di cottura: 95 minuti

Difficoltà **

Costo **

 

Ingredienti (per 4 persone): 1 fetta da 400 g di fesa di tacchino; 80 g di speck affettato; 1 uovo; 2 fette di pancarré; 40 g di grana grattugiato; 500 g di polpa di zucca cotta; 6 cipolle rosse; 1 mazzetto di salvia; brodo di carne; vino bianco secco; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

 

Spezzettate il pane, bagnatelo con qualche cucchiaio di brodo tiepido e passatelo al mixer con 1/2 cipolla sbucciata e 200 g di polpa di zucca. Incorporate al composto l’uovo, il formaggio e 2/3 della salvia tritata. Salate e pepate.

Coprite la fesa con le fettine di speck, spalmatela con il composto alla zucca, arrotolatela, legatela e mettetela in una teglia con 3 cucchiai d’olio e la salvia rimasta. Fate cuocere in forno a 180° per 40 minuti. All’inizio della cottura spruzzate il rotolo con un po’ di vino; poi bagnatelo spesso con il fondo di cottura aggiungendo ogni volta un po’ di brodo caldo.

Sbucciate le cipolle rimaste e mettetele nella teglia con la zucca avanzata tagliata spicchi grossi. Bagnate gli ortaggi con il fondo di cottura e cuocete per altri 25 minuti. Quando l’arrosto sarà dorato in modo uniforme, fatelo riposare qualche minuto e quindi servitelo con la zucca, le cipolle e la salsa di cottura.

 

 

 

 

Foto di RitaE da Pixabay