Un tocco di simpatia

Pubblicato il 18/03/21
Tempo di lettura: 2 minuti

La pettinatura con la frangia è un classico che non passa mai di moda e che ogni donna ha provato almeno una volta, con i capelli lunghi oppure corti. Eppure è importante saper scegliere la frangia giusta, per valorizzare il viso e avere capelli sempre in ordine.

 

A chi sta bene la frangia?

L’ideale, per la prima frangia, è chiedere consiglio al parrucchiere, che saprà individuare la frangia adatta in base alla forma del viso, ma anche degli occhi e del naso. Per esempio, la frangia può servire a mascherare una fronte alta, oppure un viso molto allungato; inoltre il primo effetto della frangia è quello di mettere in evidenza gli occhi e gli zigomi (per esempio, per chi ha gli occhi grandi si consiglia una frangetta corta). Un viso tondo o squadrato, invece, sarà reso più armonioso da una frangia a tendina, cioè una frangia con ciuffi laterali abbastanza lunghi, che si apre al centro della fronte.

Sfatiamo anche un altro mito: la frangia con i capelli ricci è possibile! In questo caso, il parrucchiere avrà l’accortezza di lasciare il taglio della frangia abbastanza lungo, perché dopo aver asciugato i capelli mossi o ricci la frangia inevitabilmente si accorcerà abbastanza. È da evitare, invece, la frangia con i capelli crespi, a meno di usare un prodotto anticrespo o di lisciarli prima con la piastra.

 

Come tenere in ordine la frangia?

La frangia è un elemento delicato della pettinatura: con la naturale crescita dei capelli essa perde la sua forma originaria, inoltre diventa spesso istintivo toccarsi la frangia per sistemarla o spostarla, e questo fa sì che la frangia si sporchi più velocemente rispetto al resto della capigliatura. L’ideale per spuntare la frangia è sempre rivolgersi al parrucchiere, ma quando questo non è possibile, possiamo anche provare a regolare la frangia da sole (non è consigliato, invece, realizzare da zero una frangia). Bisogna innanzitutto bagnare i capelli e pettinarli bene con un pettine a denti stretti. Indispensabile è anche un paio di forbici professionali da parrucchiere. Cominciamo quindi a spuntare la frangia tenendo i capelli fermi tra indice e medio, dividendola di volta in volta in più ciocche, e usando la prima ciocca come modello di misura: a questo proposito, è meglio lasciare comunque un centimetro in più, in modo da rimediare senza problemi a qualche piccolo errore. Quando la frangia sarà asciutta, potremo ritoccare le piccole “sbavature”.

Abbiamo anche detto che la frangia si sporca facilmente: in questo senso, usare lo shampoo secco sulla frangia è spesso un’importante ancora di salvezza! Se infatti è vero che lo shampoo secco andrebbe usato con parsimonia sui capelli, bisogna però riconoscere che esso consente di riportare la frangia in perfetto ordine (naturalmente senza esagerare con le quantità). Un altro piccolo consiglio, per chi ha la pelle grassa o tende a sudare molto, è quello di puntare su una frangia di forma “bombata”, cioè leggermente staccata dalla fronte, in modo che si sporchi meno.

 


Foto di: sabine meyer / pixelio.de