I semi del benessere

Pubblicato il 7 January, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

Chi l’avrebbe mai detto che il segreto del benessere possa essere racchiuso in un seme piccolissimo? Eppure è proprio così: i semi di psillio (Plantago psyllium, una pianta erbacea dai fiori gialli, coltivata soprattutto in Asia) veri e propri, e ancor più la cuticola che li racchiude, sono un ottimo rimedio naturale… sia contro la stitichezza che contro la diarrea! Come è possibile? Scopriamolo insieme.

 

Semi di psillio: come funzionano

La ricchezza dei semi di psillio è data dalle mucillagini (che sono contenute in massima percentuale nella cuticola che riveste i semi, per questo motivo in commercio si trovano dei preparati a base di sola cuticola).

Le mucillagini sono fibre solubili dotate di un effetto emolliente, antinfiammatorio e di regolazione dell’intestino, utile sia per combattere la stitichezza, che per frenare la diarrea.

Questo doppio effetto è reso possibile proprio dalla principale caratteristica delle mucillagini, che è quella di assorbire acqua fino ad aumentare anche di 25 volte il proprio peso. Per chi soffre di stitichezza, si consiglia l’assunzione di psillio (sotto forma di semi, cuticola o altri integratori già pronti all’uso) insieme ad abbondante acqua: in questo modo le mucillagini sono in grado di ammorbidire le feci e contrastare la costipazione. La normalizzazione del transito intestinale, inoltre, ha effetti benefici indiretti anche per chi soffre di colite, emorroidi o altri stati infiammatori.

La capacità dello psillio di assorbire acqua è determinante anche in caso di diarrea, perché in questo caso esso va ad assorbire i liquidi in eccesso presenti nell’intestino.

Un altro effetto benefico dello psillio, che deriva indirettamente dalle sue proprietà, è il suo contributo a ridurre l’assorbimento del colesterolo, dal momento che velocizza e migliora il transito intestinale.

 

Come usare lo psillio

In commercio esistono diversi integratori naturali a base di psillio: possiamo trovare la cuticola pura, i semi, oppure capsule già pronte, molto utili per chi lavora fuori casa. Per le dosi, raccomandazione è sempre quella di seguire le indicazioni sulla confezione, e comunque è indispensabile assumere lo psillio accompagnandolo almeno con un bicchiere di acqua o di altro liquido idoneo (per esempio, una tisana).

A meno di avere una specifica allergia, lo psillio non ha grandi controindicazioni: bisogna però informare sempre il medico prima di assumere qualsiasi integratore naturale, psillio compreso, se nel frattempo si assumono anche altri farmaci (poiché gli integratori possono interferire sull’assorbimento di altri principi attivi: lo psillio, per esempio, potenzia l’effetto dei farmaci anticolesterolo).

 

 

 

 


Foto di silviarita da Pixabay