Un tuffo dove il mare è più blu

Pubblicato il 13/04/21
Tempo di lettura: 2 minuti

IL MERAVIGLIOSO PAESAGGIO ITALIANO DELLE CINQUE TERRE ARRIVA IN UN FILM DISNEY PIXAR. LUCA È LA STORIA DI DUE RAGAZZI CHE SCOPRONO SÉ STESSI E IL VALORE DELL’AMICIZIA TRA PIATTI DI PASTA, GIRI IN SCOOTER E TANTO MARE ITALIANO.

di Giovanni Franchini


Sono bastati pochi fotogrammi ed è di nuovo passione per le Cinque Terre. La storia di Luca, un ragazzo che vive un’esperienza di crescita personale durante un’indimenticabile estate italiana contornata da gelati, tuffi in mare, piatti di pasta e sentieri da scalare. Ma Luca è un ragazzo che nasconde anche un importante e pericoloso segreto che toccherà da vicino lui e il suo amico d’infanzia.

La meravigliosa riviera ligure è l’ambientazione del nuovo film della Pixar-Disney, Luca, che arriverà nei cinema statunitensi il 18 giugno 2021, diretto da un italiano, Enrico Casarosa, animatore, sceneggiatore e regista, nominato all’Academy Award che lo ha candidato nel 2012 per il premio al Miglior cortometraggio d’animazione per La luna. Questa è una storia profondamente personale - dice Enrico Casarosa, che da trent’anni vive negli Stati Uniti non solo perché è ambientata nella riviera ligure dove sono cresciuto, ma perché al centro di questo film c’è la celebrazione dell’amicizia. Le amicizie infantili spesso stabiliscono la rotta di chi vogliamo diventare e sono proprio quei legami ad essere al centro della nostra storia.

"Spesso sono le amicizie infantili a farci immaginare chi vogliamo diventare"

Oltre alla bellezza e al fascino del mare italiano, il nostro film racconterà un’avventura estiva indimenticabile, che cambierà radicalmente il nostro Luca”.

Il regista ha raccontato come mai la Pixar ha scelto le Cinque Terre come ambientazione per il suo nuovo film: “Deiva Marina era il luogo dove passavo l’estate. Alla Pixar credono nei film personali e nelle esperienze individuali. Gli ho mostrato delle foto. Quando l’ho proposto, gli ho parlato di questi piccoli villaggi che sembrano venuti fuori dall’acqua e si sono arrampicati sugli scogli. Un mondo che sta tra la terra e il mare. Il mondo perfetto per Luca”. Da sempre gli americani vanno pazzi per le Cinque Terre: nel 2018 il New York Times ha inserito Vernazza nella top 20 delle località da non perdere in Europa.

Oltre all’ambientazione anche la storia viene da una esperienza personale. “Ero un bambino timido, con una famiglia che mi stava addosso. Il mio amico Alberto aveva più libertà di me e una famiglia meno presente. Sembrava potesse fare quello che voleva. Così mi ha fatto uscire dalla scatola in cui vivevo. Mi ha insegnato a pescare. Mi ha fatto crescere in modo diverso. In Liguria c’è poca sabbia e tanta roccia. C’è una scena in cui da un picco ci si spinge in acqua, ti metti le scarpe da ginnastica e salti giù. È la metafora perfetta per questi incontri che ti fanno crescere, ti cambiano e che ti porti dentro quando gli dici addio”.