Oltre il contorno

Pubblicato il 23/03/21
Tempo di lettura: 3 minuti

Irresistibile primavera con i suoi profumi e le sue verdure di stagione, vere protagoniste di piatti chic, non solo destinate a semplici contorni. Prendiamo ad esempio taccole e carote novelle: invece che una semplice insalata, possiamo preparare una “cupola farcita”, ripiena di pisellini primavera e una mousse di carote guarnita da taccole e pepe rosa. E le bietoline? Invece di lessarle o saltarle semplicemente in padella, create dei fagottini di bietola ripieni di asparagi, ricotta e prosciutto di Praga, anche i vostri bambini li mangeranno con gusto. Oppure con le bietoline preparate un tortino: lavate, tritate e rosolate le bietoline in padella con un filo d'olio, quindi mettetele in una ciotola con il Grana Padano, della farina, pane grattugiato e due uova, mescolate e cuocete in padella come se fosse una frittata. Servite il tortino con una salsa tiepida di peperoni gialli e uvetta.

Altro esempio goloso può essere la lattuga trasformata in mousse: basta frullarla con latte, ricotta, gelatina, sale e pepe quanto basta, ed ecco la vostra delicatissima mousse adatta per essere servita a palline su spinacini novelli. Con le carote possiamo invece preparare una crema, magari aromatizzata al limone e servita con dei pinoli tostati.

E una tartare vegetariana l’avete mai provata? Tagliate a dadini quattrocento grammi di carote, tre coste di sedano e due peperoni gialli. Mescolateli con dei capperi, del prezzemolo tritato, un cucchiaio di senape e un cucchiaio di succo di limone. Aggiustate di sale e pepe, e la vostra scorta di vitamina C è pronta.


Legumi di stagione: idee creative

La bella stagione porta le verdure al top, come i fagiolini, ottimi per un contorno leggero e fresco, indicati per chi si vuole mettere a dieta, ma che soprattutto si prestano a ricette di effetto. Provate a fare degli sformatini di fagiolini con pesto e noci: basta lessare mezzo kg di fagiolini, frullarli con tre cucchiai di panna, due uova, aggiustare di sale, pepe e noce moscata e cuocerli in forno a bagnomaria per una mezz’ora, negli appositi stampini. Sfornateli e guarniteli con le noci e un cucchiaino di pesto. Le verdure primaverili diventano piatto unico sotto mille forme, questo è anche il periodo delle fave, che sono un ottimo ingrediente per le zuppe. La minestra di fave e catalogna, risolverà quelle serate primaverili dopo un acquazzone, dandovi quel senso di tepore, ma allo stesso tempo di freschezza. Basta soffriggere un po’ di cipolla nell’olio, aggiungere la catalogna lavata e tagliata a pezzetti, della pancetta a dadini e trecento grammi di fave fresche. Coprire con il brodo vegetale e portate la zuppa a cottura. Per un tocco di classe, servitela con pane tostato e un uovo in camicia per commensale. Ma le fave si prestano anche alle frittate: cuocetele in padella con aglio, olio e menta fresca spezzettata, quindi aggiungete del brodo vegetale e portatele a cottura; mettetele successivamente nel mixer e frullatele, e poi lasciatele intiepidire. Nel frattempo sbattete sei uova in una ciotola con un cucchiaio di latte, sale e pepe, aggiungere la purea di fave, amalgamate il composto, e mettetelo in una profila foderata con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. Infornate e cuocete la frittata di fave per un quarto d’ora a 180°. Servitela tiepida accompagnata da formaggio, fave fresche e fette di salame.


Asparagi e carciofi, ricette primaverili

E non si può parlare di primavera senza nominare asparagi e carciofi. Gli asparagi saranno i vostri compagni di avventura nelle frittate, nei risotti e insieme alle uova al tegamino; mentre i carciofi oltre che fritti, nel tegame, o nei tortini, li potete addirittura farcire: pulite i carciofi tagliandogli il gambo e le foglie più dure, cimate le punte e togliete il fieno all'interno con uno scavino, quindi immergeteli in una bacinella con acqua e limone. Cuoceteli a vapore in un cestello per una mezz’ora, lasciateli intiepidire e farciteli con un composto a base di pancetta a dadini, scalogno, uova sbattute e taleggio. Infornate per una ventina di minuti a 170° e serviteli ben caldi. Farete un figurone con i vostri ospiti e vi chiederanno subito la ricetta!



Foto di RitaE da Pixabay