Questioni di Etichetta

Pubblicato il 06/10/21
Tempo di lettura: 0 minuti

L’etichetta sta cambiando. E sta diventando un veicolo di comunicazione decisivo per aiutare il consumatore a comprendere il valore della sostenibilità dei prodotti. Scegliere di acquistare in modo più consapevole è uno dei primi passi per dare un contributo concreto alla riduzione del proprio impatto ambientale. Il 63% degli italiani non conosce la differenza tra data di scadenza e il TMC (Termine Minimo di Conservazione). Risultato? Un aumento del 10% di spreco alimentare solo in Europa dovuto all'errata interpretazione delle diciture.

Too Good To Go è così scesa in campo promuovendo un'ulteriore specifica in etichetta capace di insegnare ai consumatori il reale significato del “da consumarsi preferibilmente entro”. Cos’è e come funziona l’etichetta consapevole. VéGé aderisce al progetto perché il punto di partenza vero per la lotta contro la spreco è l’educazione alimentare da una parte, dall’altra una migliore valorizzazione dei prodotti all’interno dei punti vendita. Come cambieranno in futuro le etichette e in che rapporto saranno con il footprint, il calcolo di emissioni di CO2, la tracciabilità, il modo di usare e conservare i prodotti. 

Ne parlano Giorgio Santambrogio, ad di Gruppo VéGé ed Eugenio Sapora country manager di Too Good To Go.